• Casalnuovo Monterotaro, il piccolo borgo medievale che aveva una funzione difensiva per la sua posizione strategica


    Casalnuovo Monterotaro, il piccolo borgo medievale che aveva una funzione difensiva per la sua posizione strategica

    Un viaggio alla scoperta del borgo di Casalnuovo Monterotaro, tra architetture storiche, edifici di culto e feste patronali

    Marcella La Cioppa

    03 dicembre 2019

    Una zona di Casalnuovo Monterotaro
    Casalnuovo Monterotaro è un piccolo borgo situato nel Subappennino Dauno Settentrionale al confine con il Molise.
    Ciò che più caratterizza il suo territorio è il suggestivo panorama collinare, che fa da sfondo all'intero paese.
    Un luogo da visitare per il centro storico che conserva ancora i ruderi delle fortificazioni medievali, che rimandano la memoria all’antica funzione difensiva di Casalnuovo Monterotaro.
    Infatti, fu durante il periodo romano che il paese veniva utilizzato con funzione difensiva, per la sua posizione strategica sulle montagne. Dopo la caduta dell’Impero, invece, subì altre dominazioni, quella di bizantini, normanni, svevi e longobardi.
    Le origini antiche del paese, inoltre, sono testimoniate dalle varie architetture che è possibile ammirare, come le fondamenta di un castello risalente al IX secolo, oppure i ruderi di una torre.
    Il viaggiatore che giunge a Casalnuovo potrà ammirare la chiesa della Madonna della Rocca. L'edificio sorge sull’unico colle del centro abitato, conosciuto anche con l'appellativo de 'La Cappella' proprio perché qui si erge l'edificio religioso.
    Come si legge sul sito VisitiMontiDauni.it, "spingendosi poco fuori dall’abitato, la vegetazione si fa lussureggiante e, tra i boschi, si conservano i suggestivi resti dell’antica badia di Monterotaro, da cui probabilmente prende il nome il paese, e i ruderi del castello, tra cui una cisterna e la vecchia torre quadrata".
    E ancora, "merita una visita l’Oasi LIPU di Colle Bettino, dove è possibile osservare svariati esemplari di fauna selvatica e di uccelli rapaci, tra cui il Nibbio reale. Qui sono possibili anche visite con escursioni organizzate che permettono una immersione in questo luogo di grande importanza naturalistica"
    Inoltre, a Casalnuovo vengono organizzati diversi eventi, tra i più importanti ricordiamo i festeggiamenti in onore della Madonna di Pompei e di San Michele Arcangelo, che hanno luogo entrambi l’8 maggio; mentre la celebrazione di Sant’Antonio da Padova avviene il 13 giugno, e la festa patronale in onore di Maria Santissima della Rocca si festeggia il 15 e 16 agosto.




    http://www.foggiatoday.it/social/cas...fAmuwsIFRQ3nSo
    Commenti 1 Commento
    1. L'avatar di Angelina
      Angelina -
      Geronia: un paese dimenticato

      Gli storici dell'antica Roma, nelle pagine dedicate alla Battaglia di Canne che, ormai si sa, avvenne lungo la valle del Fortore, tra Casalnuovo e Carlantino, parlano di un paesello che si chiamava Geronia e che, molto probabilmente, era propio dove ora si trova Casalnuovo Monterotaro.
      Sono in molti a sostenere che nel 217 a. C. Annibale svernò, con il suo esercito di 40.000 uomini da queste parti (località definita anche Gerione o Gereonio). Gli studiosi, dopo svariati anni di incertezze, sono quasi tutti concordi ad identificare la Masseria Finocchito con l'antico abitato dauno Gereonium in cui l'esercito cartaginese e quello romano, si scontrartono nel 217 a. C. (come riportano Polibo e Livio), scontro conclusosi con la vittoria romana.


      Tratto da tracce di Storia e di Arte
      Scritto da
      Michele Mucciacciaro
      Ed Comunità montana dei Monti Dauni Settentrionali


      E da:
      Annibale al Fortore
      di Francesco Paolo Maulucci Vivolo
      ed Bastogi