Lu rusciu te lu mari



'Na sira j˛ passai te le Patule
e 'ntisi le ranocchiule cantari

Comu cantanu belle a una a una
ma mi pariane lu rusciu te lu mari.

Lu rusciu te lu mari Ŕ mutu e forte
la fjia te lu re se tae la morte.

Iddrha se dai la morte e j˛ la vita
la figja te lu re sta se mmarita.

Iddrha sta se mmarita e j˛ me 'nsuru
la fija te lu re me tai 'nu fiuru.

Iddrha me me tae 'nu fiuru e io 'na palma
la fija te lu re se ndjae a la Spagna.

Iddrha se ndjae alla Spagna e j˛ in Turchia
la fija te lu re Ŕ la zita mia.

E vola, vola, vola, palomba vola
E vola, vola, vola, palomba mia.

Ca jeu lu core mieu
te l'aggiu ddare.



Traduzione: Lo sciabordýo del mare



Una sera io passavo presso una palude
ed ho sentito gracchiare le rane.

Cantavano cosý bene, una in risposta all'altra
che riproducevano, quasi, il mormorýo delle onde del mare.

Lo sciabordýo del mare Ŕ molto forte
la figlia del re vuole darsi la morte.

Lei si dÓ alla morte ed io la vita,
la figlia del re sta per sposarsi.

Lei si vuole maritare ed io mi sposo
la figlia del re mi dona un fiore.

Lei mi dona un fiore ed io ho una palma,
la figlia del re se ne va in Spagna.

E vola, vola, vola, colomba vola,
E vola, vola, vola, mia colomba.

PerchÚ io voglio darti
il mio cuore



Tratta dal libro di Mario Ancora
Il canzoniere di Taricata”
SECOP Edizioni