Pizzicata



Pizzicò la vicchiarella
la cchiù brutta e la cchiù bella
e la povera criatura
muzzicò cu 'na puntura.

Zumpa, zumpa ca ti passa
'sta taranta 'no ti lassa
ca ci tu la sa ballà,
lu tulori av'à passà.

Ci è taranta o tarantella
pizzicò 'nta la vunnella
ci è taranta o tarantoni
pizzicò 'nta lu pantaloni.

Zumba, balla, canta e sona
sia la serva e la patrona
e ci tu lu vuò sapé
è pizzicatu puru a me.



Traduzione. Pizzicata

Ha colpito con la sua puntura la vecchina
la più brutta e la più bella
e colpì col suo veleno
anche un bambino.

Salta, salta che ti passa
questa tarantola non ti abbandona
se tu sai ballare la pizzica,
il dolore passa.

Se è una tarantola o una tarantolina
pizzica sotto la gonnellina
se è tarantola o tarantolone
pizzica dentro il pantalone.

Salta e balla, canta e suona
sia la serva che la padrona
e se tu lo vuoi proprio sapere
ha pizzicato anche me.


Tratto dal libro di Mario Ancora
Il canzoniere di Taricata”
SECOP Edizioni