Pizzica a 'ntaressi




Vu no lu pinzati
quantu si po' essi'
cannaruti , quantu
stannu li 'ntaressi.


Nossi uarda 'n facci
no' si pensa a nienti.
Io ti frecu a tei
cu m'enchiu la ventri.


Ti so amici quannu
fegnu ti bisognu,
ma ci mi rricchescu,
ti te mi vergognu.

Ci po' vò cu vesciu

ca tieni cchiù ssai
'nvidia a me mi coorri
e t'agghia fricai.

Sacciu 'nu pruverbiu

ca sempi si mmontova:
Ognunu tira lu fuecu
alla pignata sova”.






Traduzione: Pizzica ad interesse






Voi non immaginate
quanto si può diventare ingordi
quando di mezzo
c'è il desiderio di far soldi.
Non si guarda in faccia nessuno,
non si pensa a niente.
Io inganno te
per arricchire di più.

Io sono tuo amico

quando sono nel bisogno,
ma se divento ricco
mi vergogno della tua amicizia.

Se poi mi accorgo

che sei molto ricco,
sento invidia
e faccio di tutto per rovinarti.

Conosco un proverbio

che sempre viene ripetuto:
ognuno porta i carboni
alla propria pignatta”.






Tratta dal libro di Mario Ancora

IL CANZONIERE Di Taricata
SECOP Edizioni