A proposito dei cani, dei tanti cani da padrone di cui ci si sta lamentanto in questi giorni per quanto riguarda gli avvenimenti politici (compra-vendita di parlamentari) vi voglio ricordare che il problema è antico e riguarda tutte le categorie di persone... non sempre i poveri che, magari, hanno maggiore dignità. Eccovi una poesia che affonda le sue radici nell'800, che tratta ironicamente l'argomento e il cui autore, un popolano dell'Alto Salento, è rimasto ingoto.


Il cane e il mulo

<<Va la pigghia ‘ncapu!…>>
disse lu cani a lu mulu;
cuddu si ni scìu chjancennu
sulu, sulu, meru do sta mitevunu
li favici e disse a lu patrunu:
<<Ce bella 'ducazioni ca li mpari
a l’animali, tu vani cu li cali
e quiddi ti tirunu ‘na cavici,
'nveci signurja, cu ‘na botta
di scëcurjatu lu divienti a salissìa;
ce 'ncia fattu signuria?>>
E lu patrunu disse:
<<E’ la biava, frati mia!…>>


<<Vai a quel paese!…>>
disse il cane al mulo;
e se ne andò piangendo
solo, solo, verso i mietitori
e disse al padrone:
<<Che bella educazione dai
agli animali, vado per morderli
e quelli mi tirano un calcio,
invece tu, con una botta di
frusta lo picchi a sangue (e non reagisce);
che cosa gli hai fatto?>>
E il padrone rispose:
<<E’ la biada, fratello mio!…>>



Questa poesia la recitavano i vecchi dell’Alto Salento oltre cento anni fa, ma l’autore è ignoto.