Coronavirus, Bce lancia un nuovo quantitative easing da 750 miliardi
Conte: "L'Europa batte un colpo forte"

19 MARZO 2020

A costringere lʼEurotower ad agire è stata la fiammata dello spread italiano sopra i 320 punti base. Lagarde: "Pronti a tutti per lʼeuro"

Per fronteggiare l'emergenza economica causata dal coronavirus, la Bce ha lanciato un nuovo quantitative easing da 750 miliardi di euro, con acquisti di titoli del settore pubblico e privato.
Lo ha reso noto l'Eurotower dopo il consiglio direttivo d'emergenza tenuto via conference call.
A costringere la Bce ad agire è stata la fiammata dello spread italiano sopra i 320 punti base.
Soddisfatto il premier Giuseppe Conte: "L'Europa batte un colpo forte".
Il programma, che proseguirà per tutto il 2020, includerà anche il debito greco e i commercial paper non bancari, ossia le cambiali con cui si finanziano molte imprese.

"Tempi straordinari richiedono azioni straordinarie""Tempi straordinari richiedono azioni straordinarie", ha sottolineato il presidente della Bce, Christine Lagarde.
"Non ci sono limiti all'impegno della Bce verso l'euro", ha assicurato. La Bce, ha aggiunto, "è determinata a usare il pieno potenziale dei suoi strumenti".

Bce pronta a rimuovere limiti acquisti bond Qe La Bce, inoltre, è pronta a rivedere i limiti che si è data agli acquisti di bond "nella misura necessaria a rendere la sua azione proporzionata ai rischi".
Rimuovere i limiti consentirebbe di superare il 33% di acquisti su ciascuna emissione e la clausola che prevede acquisti per ciascun Paese proporzionati alla quota nel capitale della Bce.

Italia, spettro Pil -6/-10% - Per gli investitori si sta materializzando il rischio di un'Italia che va verso un calo del Pil 2020 fra -6 e -10%, e un debito spedito come un treno verso il 150, forse 160% del Pil, rischia di avvitarsi in una spirale senza ritorno.

Francia e Olanda a rischio - Ma a spingere per la riunione d'emergenza sarebbe stato anche il governo francese, con il ministro delle Finanze Bruno Le Maire che chiede un intervento "veloce e massiccio". Perché accanto allo spread italiano si stanno allargando anche i differenziali dei Paesi "core", come Francia, appunto, o Olanda.
Ed è il segnale che, a dieci ani dalla grande crisi finanziaria, il coronavirus rischia di rimettere in discussione - almeno nella testa degli investitori - la tenuta dell'Eurozona.

Conte: "Bene la Bce, l'Europa batte un colpo forte"
"L'Europa batte un colpo! Forte, sonoro, adeguato alla gravità dell'emergenza sanitaria che stiamo affrontando e dello shock economico che ne consegue. Bene la Bce". E' quanto ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

https://www.tgcom24.mediaset.it/econ...-202002a.shtml