Le olive non si raccolgono più, la filiera dell’olio d’oliva italiano è distrutta!

download.jpg

Le olive non si raccolgono più, la filiera dell’oilio d’oliva italiano è distrutta!

Le olive non si raccolgono più perché
in un giorno di lavoro, due operai, con le attrezzature più all’avanguardia, riescono a raccogliere circa 4,5 quintali di olive; per ogni quintale occorrono 12 € più IVA al 10% ( e cioè €13,20) di molitura, l’olio che se ne ricava è circa il 10% del prodotto e non copre nemmeno i costi di raccolta.
Le cooperative frantoiane hanno, nei loro silos olio invenduto da oltre due anni, perché il prezzo di mercato non regge la concorrenza dell’olio, certamente più scadente, nord-africano che, per una scelta scellerata dei nostri politici, ha invaso i nostri mercati.
…E così tra la Xilella e altri sporchi giochi di politica economica,
la filiera dell’olio d’oliva, antico orgoglio italiano, è distrutta: le olive sui nostri alberi si perdono, non interessano più nemmeno ai ladri!
Un intero comparto economico e lavorativo è distrutto.
Governo CRIMINALE

ulivi-secolari-660x330.jpg