Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Ricerca Shock su Nature:“DAI VACCINI COVID RISCHI DI GRAVI DANNI POLMONARI”.

  1. #11

    I misteri sulla sicurezza dei vaccini

    I MISTERI SULLA SICUREZZA DEI VACCINI


    «Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), al 17 settembre 2020, 36 candidati vaccini erano in fase di valutazione clinica per il trattamento di COVID-19 e 146 vaccini candidati erano in valutazione preclinica.
    Dato che i vaccini possono essere applicati per la profilassi e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2, in questa recensione, introduciamo i recenti progressi dei vaccini terapeutici candidati contro SARS-CoV-2. Inoltre, riassumiamo i problemi di sicurezza che i ricercatori potrebbero dover affrontare durante lo sviluppo dei vaccini. Descriviamo anche alcune strategie efficaci per migliorare la sicurezza e l’efficacia del vaccino che sono state impiegate nello sviluppo di vaccini contro altri agenti patogeni, con la speranza che questa revisione possa aiutare nello sviluppo di metodi terapeutici contro COVID-19» hanno scritto Yetian Dong e i suoi colleghi scienziati, forse ignorando che la “macchina” di produzione mondiale era già praticamente pronta alla stampa in serie della “merce” terapeutica…
    Cominciamo dalla notizia positiva ormai nota: «Studi precedenti hanno riportato che i vaccini che codificano la proteina SARS-CoV S hanno suscitato potenti risposte immunitarie cellulari e umorali in modelli di challenge murini e in studi clinici.19,20,21 Allo stesso modo, il gene S è considerato un bersaglio chiave per i vaccini SARS-CoV-2 .22 La proteina S dei CoV, in particolare la RBD, è in grado di indurre anticorpi neutralizzanti (NAbs) e risposte immunitarie dei linfociti».
    Vantaggi e svantaggi delle differenti tipologie di vaccini secondo la ricerca cinese pubblicata su Nature
    Ed arriviamo subito a quella negativa ben occultata dalla comunità scientifica internazionale, dall’OMS e dalle Big Pharma: «Oltre alla proteina S, altre proteine, come la proteina N, la proteina M, le proteine non strutturali (nsps) e le proteine accessorie, possono potenzialmente fungere da antigeni. Infatti, le proteine virali e le loro interazioni con i fattori dell’ospite erano associate a risposte immunitarie dell’ospite squilibrate, come bassi livelli di interferoni di tipo I (IFN-I) e IFN-III e livelli elevati di citochine pro-infiammatorie». Ora capite il motivo per cui abbiamo fatto quell’articolata premessa di biologia molecolare della dottoressa Bolgan sui rischi di tempeste di chitochine… Ma il peggio deve ancora arrivare!
    Per ragioni di brevità dovremo sintetizzare l’analisi sui vaccini (identificati per tipologia) sui loro svantaggi, senza soffermarci su dettagli tecnici altrimenti difficili da comprendere e sui loro punti di forza, leggibili comunque nel PDF della ricerca stessa a link in fondo all’articolo


    • Vaccini a DNA: La sicurezza e l’efficacia dei vaccini per l’uso nell’uomo rimangono sconosciute
    • Vaccini a RNA: La proprietà dell’mRNA può influenzare il suo rilascio cellulare e la disfunzione degli organi. Che sia sicuro o meno per gli esseri umani, questo rimane sconosciuto
    • Vaccini inattivati: L’antigene non importante può alterare la risposta immunitaria. Ha bisogno del livello di biosicurezza 3 per la crescita del patogeno.
    • Vaccini di subunità: Può avere un’efficacia limitata e sbilanciare le risposte immunitarie
    • Vaccini di vettore: Può indurre una precedente immunità al vettore

    …………………………… continua ……………………….


    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/

  2. #12

    Il grave rischio di immunopatologia polmonare

    IL GRAVE RISCHIO DI IMMUNOPATOLOGIA POLMONARE

    «Il criterio più importante dei vaccini è la sicurezza. La precedente esperienza nello sviluppo di vaccini SARS-CoV e MERS-CoV ha sollevato preoccupazioni per l’immunopatologia polmonare correlata alle risposte Th265. Th2 è un sottogruppo di cellule T che può secernere citochine di tipo Th2, come l’interleuchina 4 (IL-4), IL-5, IL-10 e IL-13, e livelli aberranti di citochine Th2 possono causare reazioni immunitarie che portano alle infiltrazioni di eosinofili. In modelli murini, quattro diversi vaccini SARS-CoV hanno portato alla comparsa di immunopatologia di tipo Th2 con elevata infiltrazione di eosinofili, che è servita da marker per l’ipersensibilità di tipo Th2».
    Il ciclo di reazione immunitaria e immunopatologica scatenato dai vaccini nel grafico della ricerca di Dong e altri
    «Ciò è stato osservato anche in topi vaccinati con vaccini MERS-CoV inattivati che aveva infiltrazioni di eosinofili, con livelli di IL-5 e IL-13 superiori a quelli prima della vaccinazione. Inoltre, si suggerisce che la reazione immunopatologica a seguito della vaccinazione possa essere parzialmente attribuita alla presenza della proteina N nel vaccino, ma questa richiede un’ulteriore convalida. Studi recenti sui cambiamenti delle citochine in pazienti infetti da SARS-CoV-2 hanno anche osservato una maggiore secrezione di citochine Th2, che potrebbe contribuire all’immunopatologia polmonare. Pertanto, il controllo della risposta delle cellule T deve essere considerato quando si progettano vaccini contro SARS-CoV-2».
    «Mentre la risposta immunitaria umorale indotta dai vaccini può rappresentare un potente approccio per conferire protezione contro l’infezione da CoV, una risposta anticorpale anormale può anche provocare un deterioramento fisico dei pazienti. Nei modelli di macachi infettati da SARS-CoV, le IgG S-specifiche indotte dal vaccino hanno provocato un grave danno polmonare acuto (ALI) perché le IgG hanno disturbato la risposta di risoluzione dell’infiammazione dei macrofagi e il blocco del recettore gamma Fc (FcγR) ha ridotto tale influenza».
    Ma ecco l’affermazione esplosiva: «Inoltre, i pazienti deceduti hanno mostrato titoli più elevati di NAb e risposte NAb più rapide che sono diminuite più rapidamente rispetto ai pazienti guariti durante l’infezione acuta, innescando potenzialmente una rottura sistematica del sistema immunitario ed esercitando gli effetti immunopatologici sul polmone e sulla milza. Se SARS-CoV-2 i vaccini causeranno risposte anticorpali anormali è attualmente sconosciuto e sono necessarie ulteriori ricerche per affrontare il potenziale danno polmonare causato dai candidati vaccini SARS-CoV-2». Come risposta Big Pharma, agenzie del farmaco internazionali, governi e OMS hanno ignorato l’avvertimento procedendo con la commercializzazione di milioni di dosi dei primi vaccini autorizzati (Pfizer, Moderna, entrambi a mRNA, e AstraZeneca, a base di vettore virale non replicante).


    …………………………… continua ……………………….

    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/


  3. #13

    WUHAN-GATES:Piano miliardario COVAX-OMS gestito da ex manager Big Pharma


    «I meccanismi alla base di questa immunopatologia meritano ulteriori indagini, che potrebbero fornire una guida istruttiva per il futuro sviluppo dei vaccini SARS-CoV-2» è la conclusione dei ricercatori accademici cinesi a cui la comunità scientifica mondiale ha risposto in modo semplice: autorizzazione condizionale di emergenza dei sieri antiCovid. In sintesi: le cavie da laboratorio saranno gli umani che si vaccinano senza nemmeno sapere i rischi che corrono…


    …………………………… continua ……………………….


    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/


  4. #14

    Consenso informato e malattie croniche

    CONSENSO INFORMATO E MALATTIE CRONICHE

    In connessione allo studio precedente citiamo proposito quello appena segnalato negli Usa dal sito The Defender dell’associazione Children Health Defense guidata dall’avvocato Robert F. Knnedy jr che tocca la delicata e ombrosa tematica del consenso informato.
    «In un nuovo articolo di ricerca pubblicato su Microbiology & Infectious Diseases, l’immunologo veterano J. Bart Classen esprime preoccupazioni simili e scrive che “i vaccini COVID a base di RNA hanno il potenziale di causare più malattie dell’epidemia di COVID-19”. Per decenni, Classen ha pubblicato articoli che esplorano come la vaccinazione può dare origine a condizioni croniche come il diabete di tipo 1 e di tipo 2, non subito, ma tre o quattro anni dopo. In questo ultimo documento, Classen avverte che la tecnologia dei vaccini basata sull’RNA potrebbe creare “nuovi potenziali meccanismi” di eventi avversi del vaccino che potrebbero richiedere anni per venire alla luce» ecco il pericolo che si annida nel fattore tempo capace di sfuggire ad ogni farmacovigilanza attiva perché sarebbe impensabile ed ardua la possibilità dei sistemi sanitari nazionali di monitorare anno per anno decine di milioni di vaccinati contro il Covid-19.



    …………………………… continua ……………………….

    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/

  5. #15

    Kennedy: “501 morti tra vaccinati usa covid”.


    Ecco perché, secondo RFK jr, «Garantire che i pazienti comprendano chiaramente i rischi, inclusi rischi noti e potenziali rischi sconosciuti, è una componente importante del processo di consenso informato. Ciò è tanto più vero quando l’intervento è sperimentale e manca di dati sulla sicurezza a lungo termine, come nel caso dei vaccini Pfizer e Moderna contro COVID-19. La FDA ha autorizzato i due vaccini per un uso diffuso di emergenza sulla base di soli due mesi di dati di studi clinici»
    «Sfortunatamente, non è insolito che la comunicazione dei rischi da parte dei ricercatori sia superficiale. A ottobre, i ricercatori della New York University e di Tulane hanno riferito che le informazioni comunicate ai partecipanti agli studi clinici sul coronavirus su un problema preoccupante noto come priming patogeno erano “sufficientemente oscurate” da rendere “improbabile” una “adeguata comprensione da parte del paziente” dei rischi» aggiunge il sito The Defender.



    …………………………… continua ……………………….

    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/

  6. #16

    Wuhan-gates – 26. Bio-arma sars-2 & vaccini d’oro.


    La disinformazione sui vaccini, culminata nella censura sui social attuata da Facebook con la rimozione dell’account di Kennedy su Instagram, è soltanto uno degli ultimi capitoli di una sceneggiatura criminale di una “pandemia pianificata da decenni da Bill Gates” come sostenuto dallo stesso avvocato avvalorando i sospetti di esperti di virologia ed intelligence sul SARS-Cov-2 costruito in laboratorio.
    SARS-2: “007 DI CINA, USA, NATO E FIVE EYES OCCULTANO L’ORIGINE DEL VIRUS DA LABORATORIO”. Rivelazioni shock dell’ufficiale dell’intelligence israeliana esperto di bio-armi
    Ciò è potuto accadere grazie a quella ingegneria biologica che consentì nel 2004 proprio al Wuhan Institute of Virology di iniziare le prime sperimentazioni di virus SARS infettato con l’HIV grazie ai finanziamenti della Commissione Europea prima e dell’agenzia governativa americana USAID (strumento finanziario dell’intelligence CIA) poi, insieme alla Bill & Melinda Gates Foundation e all’EcoHealth Alliance di cui è presidente Peter Daszak, non a caso inviato dal direttore OMS, Tedros Adhanom Gebreyesu, pupazzo di Gates, nella missione in Cina con cui si è cercato di seppellire la teoria del virus antropico, ovvero creato da mani e menti umane. Avide e perverse. Disgustosamente perverse.


    https://www.gospanews.net/2021/02/14...harma-e-media/

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •