Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Vaticano: una bandiera imbarazzante

  1. #1

    nebuloso Vaticano: una bandiera imbarazzante


    Vaticano: una bandiera imbarazzante
    La bandiera di fortezza dello Stato pontificio in dotazione alla truppe papaline , quella che sventolava sulle mura aureliane il 20 settembre del 1870, quando i bersaglieri e i fanti italiani aprirono una breccia, a colpi di cannonate, nelle fortificazioni vaticane, a Porta Pia, è stata, fino a non molto tempo fa, custodita da una famiglia aristocratica fedele al Vaticano: la famiglia Sforza Rispoli.
    Nel gennaio del 2011 il principe Lillo Sforza Rispoli, ormai anziano (classe 1929), decise di donarla al papa con una certa urgenza perché,disse, in caso di una sua improvvisa dipartita, non era sicuro che, i suoi eredi, avrebbero rispettato la sua volontà.
    L'idea di poter ricevere, a distanza di un secolo e mezzo, una così antica e storica bandiera, affascinava gli ecclesiastici di “sua santità” , ma creava anche molte perplessità perché si temeva di riaprivre un'antica ferita, con gl'Italiani, che intanto stavano già festeggiavando il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
    Si decise di accettare la bandiera ma con l'accortezza di non dare troppa pubblicità alla questione.
    Nel mese di settembre del 2011 c'era, la festa del corpo della gentarmeria vaticana.
    Nel programma di tale festa ci fu la consegna della storica bandiera da parte del principe Sforza Rispoli, con tanto di picchetti e l'onore delle armi.
    La bandiera fu esposta e la festa dei 150 gentarmi vaticani divenne una festa di notevole rilievo, ma quello che fu davvero scandaloso, fu la presenza , a tale cerimonia, anche di vari ministri e sottosegretari del governo Berlusconi.
    C'erano:

    • Gianni Letta


    • Franco Frattini,


    • Stefania Prestigiacomo,


    • Angelino Alfano


    • Pierferdinando Casini.

    ...E tutti erano schierati sul palco delle autorità, in buon ordine tra monsignori e cardinali, tra mille sorrisi e la soddisfazione di Bertone


    Tratto da Sua santità
    Le carte segrete di benedetto XVI
    Scritto da
    Gianluigi Nuzzi



    P.S.
    Il mio pensiero, in proposito, è che le cannonate sparate per abbattere le mura di Porta Pia il XX settembre del 1870, non sono bastate per risolvere l'annoso problema del dominio del clero sul popolo italiano. Oggi non si riesce più a farsi capire, in nessun modo pacifico, né dai numerosi “cani” sparsi a vari livelli sul nostro territorio, che si attivano in continuazione a sostegno del Vaticano e ai danni (soprattutto economici) degli italiani, né dai numerosi fantocci (dis/onorevoli) che bloccano il nostro Parlamento e tradiscono lo stesso popolo che li ha eletti per fini personali e di calcolo politico.
    Oggi ci vorrebbero ancora delle pallottole, per risolvere la situazione, ma tali pallottole dovrebbero essere indirizzate sulla fronte di molti parlamentari italiani.
    Angelina Stanziano

  2. #2

    angioletto Lettera del capo della gentarmeria Domenico Giani al cardinal Bertone

    Lettera del capo della gentarmeria Domenico Giani al cardinal Bertone


    Il giorno 28 gennaio 2011, il dottor Giani Domenico responsabile della gentarmeria, scrisse direttamente al cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato del Vaticano, per informarlo della possibilità del dono della bandiera.
    Era una lettera riservata ma, grazie alla rivolta silenziosa dei "corvi" ora ne conosciamo il contenuto.
    Ecco cosa scrisse:

    Eminenza reverendissima
    S.E. il principe Sforza Rispoli, dignitario di una delle famiglie nobiliari da sempre devota e fedele, per credo e tradizione, alla santa romana chiesa, come noto, è proprietario della bandiera di fortezza dello Stato Pontificio, in dotazione alle truppe papaline che eroicamente combatterono a Porta Pia nel 1870 e che da molto tempo desidererebbe donare al santo padre.
    Ho casualmente incontrato il principe lo scorso 8 dicembre presso il collegio americano del nord, ed in quella circostanza mi manifestava questo suo desiderio con l'auspicio che oltre all'atto di regalìa al santo padre, che sommessamente desidererebbe compiere personalmente nelle sue mani, in precedenza fosse celebrata una sobria cerimonia "militare" per rendere gli onori alla bandiera, come nelle antiche e mai tramontate tradizioni militari.


    Tratto da Sua santità
    Le carte segrete di benedetto XVI
    Scritto da
    Gianluigi Nuzzi



Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •