'Nc'era 'na vota

16.jpg
'Nc'era 'na vota... 'Nu pajsi 'nc'era,
tuttu curcatu sobbra a la marina
cu li casoddi bianchi comu cera
e l'aria doci, profumata e fina.

La sera, li lampari a cientu a cientu
assiunu pi' la pesca: èrunu steddi
'ntra l'acqua sparpagghjati, èrunu argientu
c'a 'mmari trimulava a striscjuleddi.

T'azavi la matina e pi' li strati
sintivi già l'addori ti lu pani
ca ti lu furnu assìa cu li vintati
ti sciroccu. Sunàunu li campani;

A lu tardu passava l'acqualùru,
poi la carretta ti li pezzi vecchi,
lu nunnu ca 'ccunzava lu quaturu
e cuddu ca vindìa li 'nnicculecchi.

Tiempu ti stati, sotta a la sulagna
ca spaccava li chjanchi ti li strati,
a la controra, si sintìa la lagna
ti nu cristjanu ca vindìa gilati.

La sera, quandu l'aria 'ddifriscava,
tutti 'ssittati annanti a la vitrina,
ti comu scìa la vita si parlava,
ti 'cce ca s'era la lu crammatina.

La nonna 'ndi ruscìa la cantilena
ca parlava ti Spinguli e ti Spanguli,
ti Lampa Lampa e ti Nanna sirena,
ti la Furmichecchia e ti Sittanguli,

Quasi quasi lu suennu 'ndi pigghjava
'ssittati a lu pisulu, 'rrunchjulati;
poi la mamma li fili si chiamava.
Quandu s'èrunu tutti 'rritirati,
lu segnu ti la croci e bonasere.
'Nc'era 'na vota... brindisi, già... 'ncera.


Poesia di Pino Indini

Traduzione
C'era una volta

c'era una volta... Un paese c'era,
tutto coricato sulla marina
con le casette bianche come la cera
e l'aria dolce, profumata e fine.

La sera, le lampare a cento a cento
uscivano uscivano per la pesca: erano stelle
nell'acqua sparpagliate, erano argento
che nel mare tremolava a strisce a strisce.

ti alzavi la mattina e per le strade
sentivi già l'odore del pane
che dal forno usciva con le ventate
di scirocco. Suonavano le campane:

le vecchiette aprivano la vetrina
come uccelletti neri e piano piano
andavano alaa prima messa mattutina.
col rosario già attaccato alle mani.

verso il tardi passava l'acquaiolo,
poi la carretta delle pezze vecchie,
il vecchio che aggiustava le terrecotte
e quello che vendeva le cosette dolci.

Tempu d'estate, sotto al sole cocente
che spaccava le pietre delle strade,
alla controra, si sentiva la lagna di un uomo che vendeva gelati.

Lam sera, quando l'aria si rinfrescava,
tutti seduti davanti la porta di casa,
di come andava la vita si parlava
di ciò che si doveva fare l'indomani.

La nonna ci cantava la cantilena
che parlava di Spinguli e di Spanguli (soprannomi antichi9
di Lampa lampa e di Nanna sirena (altri antichi soprannomi9
della Formichina e di Sittanguli (favole antiche)

Quasi quasi il sonno ci prendeva
seduti sul gradino, accoccolati;
poi la mamma i figli si chiamava.
Quando si erano tutti ritirati,
il segno della croce e bonasera.
c'era una volta... Brindisi, già... c'era.i