Lu cavaddu paratu


images.jpg

Quand'era vagnuncieddu, mamma mia,

mi 'ccumpagnava a casa di Rinaldi

quasi ca ti la loggia si vitìa

'nu muezzucu di corsu Garibaldi.




Alla cuntrora stava già 'nfacciatu

a spiari 'ddu metru ti vialoni

e no' pigghjava paci, cuscitatu

ci no' vitìa passà la prucissioni.




Li manti già spanduti alli balcuni,

li canestri ti fiuri priparati,

'ziti e carosi, uèmmini e vagnuni

cu l'abbiti ti Pasca 'mpusimati...




Tott'a 'na vota si sintìa la banda

e vitivi la genti ca fucìa

e si 'rrundava totta a a quedda vanda

ca ti la strittulecchja si 'nd'assia.




Sotta lu baldacchinu 'bbrillantatu,

a 'nsella a lu cavaddu, Monsignori

passava, lu Santissimu 'mbazzatu

e forti a 'mpittu mi battìa lu cori.




Chiuviunu li carofuli a funtani,

sunàunu li sireni a la marina,

li femmini, la crona 'ntra li mani,

cantàunu 2t'adoriamo ostia divina”.




Mo' quedda casa l'hannu scuffulata

e hannu 'mpizatu quattru palazzuni:

'dda loggia no' mi l'aggiu mai scurdata

ti 'ddo' vitìa passà li pricissiuni.




Poesia

di

Pino Indini


Traduzione:


Il cavallo parato



Quand'ero piccolo, mia madre
mi accompagnava a casa dei Rinaldi
perchè dalla loro loggia si vedeva
un pezzo di Corso Garibaldi.


Durante la controra, io ero già li, affacciato,
per scorgere da que metro di vialone,,
e non prendevo pace,
se non vedevo passare la processione.


Le coperte già era esposte sui balconi,
i canestri dei fiori già preparati,
zitelle e signorine, uomini e ragazzi
vestiti con gli abiti della pasqua, inamidati...




Ad un tratto si sentiva il suono della banda
e vedevi la genti che correva
e si ammassava tutta da quella parte
e arrivava da tutte le stradette.


Sotto al baldacchino lucidato,
e in sella al cavallo, monsignore
passava, col santissimo abbracciato
e forte in petto, a me batteva il cuore.


Piovevano i garofani a fontane,
suonavano le sirene alla marina,
le donne, col rosario fra le mani,
cantavano “t'adoriamo ostia divina”.


Ora quella cas l'hanno abbattuta
e hanno costruto quattro palazzoni
quella loggia non l'ho scordata
da dove vedevo passar le processioni.