Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Vitantonio Stanisci

  1. #1

    pagliaccio Vitantonio Stanisci

    Vitantonio Stanisci è un poeta di San Vito dei Normanni vissuto nel secolo scorso.
    Egli era analfabeta, componeva con facilità versi e poesie in vernacolo ma erano altri a mettere per iscritto le sue creazioni, in particolare fu il tipografo Ettore Vergine che ebbe la lungimiranza di scrivere, sotto dettatura, quelle poesie, e stamparle, gratuitamente, su dei figlietti volanti.
    Ogni domenica mattina, Vitantonio Stanisci offriva quei foglietti nella piazza antistante la chiesa madre del paese, e la gente, all'uscita dalla messa, li prendeva in cambio di qualche soldo.
    Con questo sistema di divulgazione, molte sue composizioni si sono, purtoppo, perdute, ma qualcosa è rimasto e, sia pure tardivamente, sono state ripubblicate.
    Stanisci era un uomo povero, umile e frequentatore di cantine.
    Egli non pensava certo di rimanere nella storia del suo paese: oggi la città gli ha dedicato una strada ed è fiera di poter annoverare fra i suoi figli un uomo semplice e al tempo stesso straordinario quale fu Vitantonio Stanisci.
    Eccovi come si descrisse, lui stesso, in una composizione poetica:

    Lu poeta

    Iu no sò nu gran poeta
    sò nu villanu analfabeta.

    ...E 'nquarche capugruessu m'è criticatu
    ca 'taglianu e dialettu agghiu 'mmiscëcatu;

    s'hannu pigghjatu st'imbarazzu:
    ju tanta sacciu e tanta fazzu.

    ...Senza sali e senza ueglju,
    a ci si senti, cu faci megghju.


    Traduzione

    Il poeta

    Io non sono un gran poeta
    sono un contadino analfabeta.

    ...E qualcuno con la testa grossa mi ha criticato
    perché italiano e dialetto ho mescolato;

    si sono preso questa briga:
    io tanto so e tanto faccio.

    ...Senza sale e senza olio,
    chi si sente, che faccia meglio.


  2. #2

    angioletto

    Eccovi ora un'inventiva, del nostro carissimo poeta, contro l'assessore all'annona perché era poco vigile sui prezzi e gli abusi dei commercianti ("'ccatta e vinni").
    ...questo succedeva ai suoi tempi... e oggi com'è la situazione?

    L'assessori tla chjazza


    Signor Sinnucu, pi favori,

    percé tinimu st'assessori?

    L'assessori nuestru sta funziona

    cu conta l'orologgiu quannu sona.
    Cu tanta qualità ti frutti

    nu bigliettu basta pi tutti.

    ... E ju sò costrettu cu dimannu:

    "sti faggiolini a quantu vannu?"

    ...E loru tinnu a quantu vollu:

    no tinimu nu controllu.

    Tinimu stu gioia t'assessori

    ch'è piccatu ci ni mori;

    sarà ch'ima piccià na lampa,

    lu Signori cu ni campa.

    "Bah, sienti, caru 'ccatta e vinni,

    no fa' comu li piccinni,

    ca tu si ommu cu la barba,
    e ci stu fattu no ti garba,


    cu mitti subbutu lu bigliettu,

    milli firmi allu Prefettu!"


    Traduzione

    Signor Sindaco, per favore,
    perché abbiamo quest'assessore?

    L'assessore nostro sta funzionando
    per contare quando suona l'orologio (della piazza).
    con tante varietà di frutti,
    un biglietto (per il prezzo) basta per tutti.

    ...E io sono costretto a domandare:
    "Questi fagiolini a quanto vanno'"

    ..E loro dicono a quanto vogliono:
    non abbiamo un controllo.

    Abbiamo questa gioia di assessore
    ch' è peccato se ci muore:
    forse dobbiamo accendere una lampada,
    al Signore che ci faccia campare.

    "Bah, senti, caro commerciante,
    non fare come i bambini,
    perché tu sei un uomo con la barba,
    e se questo fatto non ti piace,

    (cioè) di mettere subito il biglietto,
    (raccogliamo) mille firme per il Prefetto!"


  3. #3

    confuso17 A ci avanza cu spetta!

    A ci avanza cu 'spetta!

    In questa poesia, Vitantonio Stanisci, dice ai suoi creditori: "un po' di pazienza!... C'è sempre tempo per (non ) pagare i debiti."



    Ava 'rrivari lu tiempu c'agghja muriri,

    no' ncë hagghju capitu e no' ncë hagghja capiri

    ... ca ci ju no hagghju pussitutu mai nienti, nienti,

    e 'ncerti patruni ti palazzi e stabilimenti,

    t'estensjoni t'arvili t'aulji,

    vacchi e sciumenti sobbë a li massarjië,

    li sordi 'mpota quiddi vannu e vennu,

    no' sannu mancu quanti migljuni tennu.

    ...E ju sempri 'ntrappulatu 'mmjenzë a li uajë

    e tegnu tèbbutu a ci no' fatja mai.

    Vi giuru in cuscjenza ca no' li 'nvidju,

    ju so' francu ti tuttu stu fastidju.

    ca quannu n'azzamu la matina

    loru fannu cunti e ju mi ni vo' a la cantina.

    Quarchitunu cu no teni speranza

    c'hagghja pajari lu tèbbutu c'avanza,

    ju li ticu: <<Amicu mja, no' scì ti fretta

    custu è lu tiempu ti ci avanza cu spetta,

    ...e ci no' l'hagghja riduciri:

    o cu spetta o cu si metti a fuciri.>>

    Traduzione

    Arriverà il tempo che dovrò morire,
    non ho capito e non capirò

    perché io non ho posseduto mai nulla
    e altri sono padroni di palazzi e stabilimenti,

    di estensioni di alberi d'ulivo,
    di vacche e di giumente nelle masserie

    i soldi in tasca a loro vanno e vengono,
    non sanno nemmeno quanti milioni hanno.

    ...E io sempre intrappolato in mezzo ai guai
    e ho debiti nei confronti di chi non lavora mai.

    Vi giuro, in coscienza, che non l'invidio,
    io sono libero da tutto questo fastidio,

    perché quando ci alziamo la mattina
    loro fanno conti e io me ne vado alla cantina.

    Qualcuno che non abbia speranza
    che io debba pagare il debito che avanza,

    (perché) io gli dico: "Amico mio, non andare di fretta,
    questo è il tempo di chi avanza che aspetti,

    ...E se no lo devo ridurre (male):
    o che aspetti o che si metta a correre:
    "

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •