Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 18 di 18

Discussione: Le "rezze" di San Vito dei Normanni

  1. #11

    Le "rezze" di "Rezzica"

    Le "rezze" di "Rezzica"

    1.jpg

  2. #12

    Gli inglesi, parlano di San Vito dei Normanni e delle sue "rezze"i


    Le Rezze of San Vito Dei Normanni, Puglia.


    1.jpg t1.jpg



    The day had arrived, I finally found my dream home in Southern Italy! Full of excitement I decided to explore the town and the community that I had just bought into. Meandering through the streets of San Vito Dei Normanni in the province of Brindisi, Puglia, my first impression was, ‘Where is everyone’? It was ‘Controra’, which means ‘against the hour’. This is a sacred time, when all businesses close, everybody downs tools, and hurries home for a home-cooked lunch with the family. I was unaware that people still adhered to this traditional way of life here. From one o’clock, til about four or five o’clock, people go home to spend quality time with their family. Incidentally, this is the only thing which is guaranteed to happen on time!


    Tired, Old Rezza in San Vito Dei Normanni


    The place was a ghost town, and looked a little drab, like nobody had lived there for decades. Each doorway was covered by, what looked like tatty slatted blinds, disguising the opulent door behind it. I later found out, these ‘blinds’ are the iconic ‘Rezze‘ which are positioned in front of almost ever doorway in San Vito. They are designed to protect the door from the strong sunlight in the summer and humid cool air in the winter. But they also serve another purpose. They prevent passers-by nosing in when the door is open in the summer, and allows the air to flow through the house. But I think the real reason the locals place a Rezza (this is a singular form of Rezze), at the front door, is to enable the homeowners to look out into the street without being seen! The local saying goes “La vecchia cretu la rezza” which is Sanvitese dialect for ‘the old women behind the rezza’.
    The Rezze are so iconic to San Vito Dei Normanni, that some of locals have got together to form a group in honour of them, called ‘Ama-Rezza’. Every August there is a big celebration in the town called ‘Rezzica’ which is actually a dual event for the Rezze and the Pizzica. Both originated in San Vito Dei Normanni.

    Nonna Mena Restaurant


    The people who run the ‘Ama-Rezza’ have decided to enhance the traditional Rezza by giving them a face-lift. In a street in San Vito, ‘Via Edison’, some of the rezze have been individually designed with an image which is significant to the town and the surrounding areas. Such as a basket of bread, a lady dancing the Pizzica, two lovers, and Nonna (Grandmother) inviting you in to her home for something to eat. Actually, the latter is a restaurant, serving typical local cuisine. It’s called ‘La Locanda di Nonna Mena’ and is definitely worth a visit; you really feel like you’re in Nonna’s dining room! Here they serve traditional Pugliese cuisine, all of which are seasonal, home-cooked dishes. Therefore there’s no menu and that’s part of the charm of the place.
    So, if you happen to be in San Vito Dei Normanni during ‘Controra’, don’t despair, take a wander around the streets and seek out the beautiful, original artwork on the Rezze!
    More individually designed Rezze


    http://puglianpleasures.com/2015/03/...rmanni-puglia/



    Traduzione



    Le Rezze di San Vito Dei Normanni, Puglia.

    Il giorno era arrivato, avevo finalmente trovato la mia casa da sogno nel Sud Italia!
    Pieno di entusiasmo decisi di esplorare la città e e di dare un'occhiata alla comunità che avevo appena scelto.
    Girovagando per le strade di San Vito Dei Normanni, in provincia di Brindisi, Puglia, la mia prima impressione è stata, 'Dove sono tutti'?
    Era la cosidetta “Controra”, che significa' contro l'ora ' e cioé si trattava delle prime ore del pomeriggio, un momento sacro, quando qui tutte le imprese chiudono, e onuno corre a casa per un pranzo cucinato in casa, da consumare con la famiglia.

    Non sapevo ancora che la gente qui avesse questo tradizionale modo di vivere.

    Qui dalle ore 13.00, fino a circa le ore 16.000 - 17.00 , la gente va a casa per trascorrere del tempo con la propria famiglia.

    Per inciso, questa è l'unica cosa che qui è garantita da sempre!

    Inizialmente, quindi, il posto mi era sembrato una città fantasma, un po 'triste, dove nessuno aveva vissuto per decenni.

    Ogni porta era stata coperta da quello che sembrava un frangisole malridotto, che mascherava una porta opulenta dietro di esso.

    Ho scoperto, in seguito, che quei frangisole sono un 'icona della città, sono denominati 'Rezze' e sono posizionati di fronte a quasi ogni porta di San Vito.
    Essi sono progettati per proteggere la porta dalla forte luce solare in estate e l'aria fredda e umida in inverno. Ma hanno anche un altro scopo: impediscono ai passanti di sbirciare all'interno delle abitazioni quando la porta è aperta, in estate, e permettono all'aria di fluire attraverso la casa.

    Ma penso che la vera ragione per la gente del posto di utilizzare una Rezza alla porta d'ingresso, sia anche il fatto che essa consente ai padroni di casa di guardare in strada senza essere visti!

    C'è un detto locale, dialettale, che recita:"La vecchia Cretu la rezza", che tradotto, sinifica: 'le vecchie donne dietro la Rezza'.

    Le Rezze sono così l'icona di San Vito Dei Normanni, e alcuni artisti del luogo si sono uniti per formare un gruppo in onore di tale manufatto; tale gruppo di artisti si chiama 'Ama-Rezza'.

    Ogni agosto c'è una grande festa nella città, chiamata 'Rezzica', che è in realtà un doppio evento dedicato alle Rezze e alla Pizzica (un ballo tradizionale),perché entrambi sono di antica tradizione della città di San Vito Dei Normanni.


    Gli artisti che gestiscono il 'Ama-Rezza' hanno deciso di migliorare la tradizionale Rezza, dando loro un lifting.

    In una strada del centro storico di San Vito, 'Via Edison', alcune Rezze sono state progettate individualmente con una immagine che sia particolarmente significativa per la città e le zone circostanti.

    Come ad esempio un cesto di pane, una signora che balla la Pizzica, due amanti, e una Nonna che vi invita a casa sua per offrirvi qualcosa da mangiare.

    In realtà, la “ Nonna Mena” è un ristorante che serve piatti tipici della cucina locale. Si chiama 'La Locanda di Nonna Mena' e merita sicuramente una visita; vi sembrerà davvero di stare nella sala da pranzo della Nonna! Qui servono piatti della cucina tradizionale pugliese, che sono tutti piatti cucinati in casa e con prodotti di stagione.

    Per questo motivo non c'è nessun menu e questo fa parte del fascino del luogo.

    Quindi, se vi capita di essere a San Vito Dei Normanni durante la 'Controra', non disperate, fate una passeggiata per le strade e cercare il bello, opere d'arte originali sul Rezze!
    Progettate individualmente .




  3. #13

    Le "rezze" di "Rezzica"

    Le "rezze" di "Rezzica"


    1.jpg

  4. #14

    Le "rezze" di "Rezzica"

    Le "rezze" di "Rezzica"

    3.jpg

    4.jpg

    5.jpg

    8.jpg



    Immagini Allegate Immagini Allegate

  5. #15

    Le "rezze" di "Rezzica"

    Le "rezze" di "Rezzica"
    1.jpg

    2.jpg


  6. #16

    Le "rezze" di "Rezzica"

    Le "rezze" di "Rezzica"


    1.jpg


    2.jpg

  7. #17

    Le "rezze"di"rezzica"

    Le "rezze"di"rezzica"


    1.jpg


    2.jpg

    3.jpg

    5.jpg


    4.jpg

  8. #18

    Le "rezze" di "rezzica": omaggio ad Antonio "cascetta"

    Le "rezze" di "rezzica": omaggio ad Antonio "cascetta"


    1.jpg

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •